Insonnia

Insonnia ? Rabbia repressa, frustrazioni e paure mandano in deficit l’energia yin della sera. Il tuo fegato, la milza e i reni soffrono e, così, non dormi bene.

insonnia

Insonnia: quando emozioni e pensieri ti intossicano.

Secondo la medicina cinese, giorno e notte appartengono rispettivamente allo yang e allo yin, le due energie che scorrono nell’universo, nella natura e nell’uomo. Quando sono in equilibrio, il sonno viene favorito dal prevalere dell’energia serale yin, legata all’acqua, all’interiorizzazione, alla passività; al contrario se è lo yang, che prevale, ecco che si comincia a soffrire d’insonnia.

Campanelli d’allarme

  • Da un po’ di tempo ti svegli sempre intorno alle tre del mattino
  • Fai brutti sogni e i risvegli frequenti non ti fanno riposare bene. Al mattino hai un cerchio alla testa
  • Quando apri gli occhi ti accorgi che è molto prima di quando avevi puntato la sveglia

Hai incubi notturni e ti svegli spesso durante la notte?

Per la tradizione orientale, la tua milza è affaticata e il suo lavoro rigenerante e di smaltimento è compromesso. Tipico dei periodi in cui sei preoccupato o continui a rimuginare sugli eventi. «Inoltre, i medici cinesi sostengono che se i brutti sogni rimandano al lavoro o alla vita affettiva significa che non hai spento il “fuoco del cuore”. Succede a chi non riesce a staccarsi da cose e persone, e trascina i rapporti sentimentali e le amicizie anche quando sono deteriorati. Tutto questo si traduce in un folla di pensieri inutili che ridondano nella tua mente. Le frustrazioni e le paure, sono la causa principale della tua insonnia. 

Difficoltà ad addormentati e durante il giorno sei particolarmente irritabile?

La tua insonnia e i tuoi disturbi del sonno sono causati da una ridotta funzionalità dei reni. Probabilmente in questo periodo sei tormentato da paure e timori, magari infondati e che non sai come affrontare.

Ti svegli, regolarmente, tra l’una e le tre di notte?

Soffri di quella che la medicina orientale definisce insonnia da squilibri epatici. Secondo l’orologio cinese è “l’ora del fegato”, il momento in cui quest’organo raggiunge il picco della sua attività. Quando è affaticato e intossicato da scorie e tossine, fisiche ed emotive, può capitarti anche di aprire gli occhi molto prima che suoni la sveglia del mattino. «Ecco perché si consiglia di dormire di fianco sul lato destro, per non opprimere il cuore e favorire la circolazione a livello epatico. 

Durante la notte, infatti, l’energia diventa profonda per nutrire gli organi, mentre nel corso della giornata è superficiale per circolare nei muscoli e tendini». Non solo, ti senti poco riposato e con una sensazione di cerchio alla testa e di indolenzimento. Questo squilibrio energetico, che rallenta il regolare funzionamento degli organi interni, dipende anche da una dieta sregolata e poco sana. Se vuoi ritrovare sonni tranquilli, rivedi le tue abitudini alimentari e punta su cibi disintossicanti. Questi primi passi potrebbero già risolvere i tuoi disturbi. Se le tue notti, poi, continuano a essere poco riposanti, prendi in considerazione l’idea di rivolgerti a uno psicologo.

L’insonnia scientificamente

Il complesso meccanismo del sonno viene attivato dalla sostanza reticolare, una zona del cervello che si trova nel tronco encefalico, area situata al confine con il midollo spinale. Sulla base delle sensazioni che riceve, come stanchezza, alternanza luce-buio ambiente, invia gli stimoli che abbassano il livello di attività di tutto l’encefalo, (razionale e inconscia) stimolando il rilascio di melatonina e il rallentamento delle funzioni vitali (respirazione, battito cardiaco, metabolismo).

Rimedi naturali

Se non spegni la mente

La Coffea cruda è un rimedio omeopatico indicato per l’insonnia se tendi all’iperattività fisica e mentale. Alla 5 CH, in globuli o granuli: da 3 a 5, tre volte al giorno, a stomaco vuoto per un paio di mesi. Se hai spesso incubi, preferisci Zincum valerianicum. Con lo stesso dosaggio.

Fatica ad addormentarsi

Se sei ipersensibile, tendi a rimuginare, e hai difficoltà a prendere sonno, scegli la Passiflora. Associala al Biancospino, quando ansia e nervosismo prevalgono e ti svegli durante la notte. 25 gocce di tintura madre, diluite in acqua, al mattino e al pomeriggio e 50 gocce la sera, verso le 22. Per un paio di mesi.

Se ti svegli troppo presto

Il rimedio ideale? L’Escolzia, il papavero californiano, che induce il sonno e riduce i risvegli precoci al mattino. 25 gocce di tintura madre, al mattino, diluite in d’acqua e 50 gocce la sera, verso le 22. Per un paio di mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*